LA PORTA PARALLELA

 

Istoria, evoluzione e tipi di la porta parallela

 

Istoria

In 1981, l'IBM, International Business Machines, introdusse la Calcolatrice Personale (PC). La  porta parallela, Standart Parallel Port SPP, era compreso nel primo PC e si unì a questo come un'alternativa al pianterreno rendimento del porto seriale, per utilizzarlo come controllore delle stampanti di matrice di punto di alto adempimento. Questo porto aveva la capacità di trasmettere contemporaneamente 8 bits di dati, del PC alla stampante, mentre il porto seriale lo faceva di uno in uno. Nel momento che la porta parallela fu presentato, le stampanti di punto furono il principale dispositivo esterno che Lei collega a questo. Diventando estesamente utilizzato, la porta parallela arrivò ad essere la risposta per collegare dispositivi più rapidi.

Dopo questo inizio, tre grandi gruppi di problemi apparvero agli sviluppatori ed utenti di questo porto: In primo luogo, benché questo avesse aumentato considerevolmente la sua velocità, non c'era cambiamento nell'architettura o adempimento. La massima velocità di bonifico conseguibile stava per i 150 kbyte / seg. ed era eccessivamente dipendente del software. Secondo, non c'era un standard per l'interfaccia elettrica. Questo causava molti problemi quando si voleva garantire l'operazione in multiple piattaforme. Infine, la forma di design che gli diedero, limitava la distanza dei cavi esterni fino ad un massimo di 1,8 metri. In 1991 ci fu una riunione di fabbricanti in modo che potesse svilupparsi un nuovo standard per il controllo intelligente di stampanti attraverso una rete. Questi fabbricanti, dove stavano compreso Lexmark, IBM, Texas Instruments ed altri, formarono la Network Printing Alliance (NPA), come una risposta a queste necessità.

Evoluzione

Dall'introduzione del PC al mercato, la porta parallela ha sofferto varie modificazioni per fare la cosa più veloce. Poiché il porto originale era unidirezionale, Lei creó il porto bidirezionale. Il porto bidirezionale fu introdotto con la PS/2 compatibile. Questo permette una comunicazione di 8 bits in entrambe le direzioni. Qualcosa di interessante di notare è che il porto originale aveva la possibilità di essere bidirezionale realizzando in due una connessione pines di un componente elettronico che veniva compreso in questo. (Detto altrimenti, il porto originale è bidirezionale in design basilare, ma non nel design operazionale. Finalmente si sono creati l'Enhanced Parallel Port (EPP) e quello Estendete Capability Port (ECP). Questi due ultimi sono al porto standard come il Pentium al 286, oltre ad essere bidirezionali.

Inizialmente la porta parallela si usò per la comunicazione con stampanti. Attualmente si usa anche per maneggiare altre periferiche come CD ROM, nastri di copia di schienale, hard disk, biglietti di rete, protettivi di copia, scanners, etc.

Tipi di porta parallela

Attualmente si conosce quattro tipi di porta parallela:

Nella seguente tavola si mostra informazione sintetizzata di ognuno di questi tipi di porti.

 

SPP

PS/2

EPP

ECP

Data di Introduzione

1981

1987

1994

1994

Fabbricante

IBM

IBM

Intel, Xircom e Zenith Data Systems

Hewlett Packard e Microsoft

Bidirezionale

No

Se

Se

Se

DMA

No

No

No

Se

Velocità

150 Kbyte/seg.

150 Kbytes/seg.

2 Mbytes/seg.

2 Mbytes/seg.

 

Questa è come una trascrizione della Prima Parte del Libro "La Porta Parallela Interfaccia di Entrada/Salida"
Se desidera ma informazione sul Porta Parallela, non dubiti di comunicarsi con  pparalelo@hotmail.com

 

Altri criteri di ricerca:
RS-232, Interfacce, Diodi, Leds, Latches, Buffers, relay, transistor, tempo reale, temperatura, sensori, Pascal, Delphi, Assemblatore 

 

Google